ritorna index             SATIRA GIUSTIZIA                                                                                GIUSTIZIA ed ISIS                            GIUSTIZIA ALL'ASTA                   gip Carlo Bianchetti

IS

 

Chiedo: cosa deve fare un cittadino per avere giustizia?

Probabilmente ha ragione la mamma napoletana: farsela da soli.

Pagare un commando dell'ISIS? Richiedere la legge coranica? Il dente per dente?

A parte le beghe interne tra i palazzi della giustizia, si è visto ancora un giudice condannare un altro giudice? Un suo CTU?

Giustizia dovrebbe essere governata da Verità e Sapienza per applicare alla realtà le leggi teoricamente volute dal popolo. Ma ormai dubito questa sia la realtà. A volte Giustizia si comporta come una puttana: si vende nei supermercati delle Procure, al miglior offerente.

 Il CTU chiamato dal giudice per sopperire la sua ignoranza tecnico scientifica deve essere chiamato a rispondere del reato di falso in perizia in prima persona, di la dell’asseveramento del giudice, che era appunto ignorante. Specie quando il CTU, subdolamente, presenta una perizia logica, ma falsa.

E’incostituzionale l’art.2 della legge 117 del 1988: l’errore del CTU, appunto perchè esperto, non può, trasformato in error judicis, esentarlo dalla responsabilità diretta; e così l’art. 41 del codice penale.

Nonostante l'evidenza, documentata, italiana, di nuovo un Pm, in questo caso dr. Ambrogio Cassiani  della Procura di Brescia, pur di fronte all'evidenza ed alla dimostrazione, trova lo spudorato coraggio di richiedere l'archiviazione, di richiedere l'aborto della giustizia. E si che in Italia i giudici non sono stati oggetto di minacce di morte ad opera di gruppi mafiosi o fondamentalisti islamici. 

E' solo malaffare, uno schifo. L'ingiusta sentenza è un segno dei "continui abusi" commessi in nome delle leggi da giudici incapaci e della "debolezza" del sistema giudiziario italiano. Inefficienza, corruzione e mancanza di sicurezza" che colpiscono in modo particolare li cittadini che sono " signor nessuno".

Auspico al contempo che questo caso venga approfondito con la massima urgenza e speditezza - tra l'infortunio, il primo e secondo grado di giudizio sono trascorsi sette anni e verrà archiviato, tanto sono sicuri di non pagare: hanno il coltello in mano. Sono i proprietari dello stato.

 

Pubblicherò presto i documenti del caso.

adriano53s@hotmail.com