raccolta di poesia: "rispondimi"

spiegazione:

Queste poesie non sono poesie di dolore per l’assenza, ma domanda di comunicazione per la lontananza.

Sono offerta e richiesta di presenza nella parola che dice, in attesa dell’unione.

 

Filosofia e metafisica sono unilogiche...  la filosofia, di queste poesie, segue invece la logica del due, la logica per la quale uno più uno non può fare due.

Può sembrare un assurdo, un paradosso…ma è poi così illogico?

Neppure la matematica può dimostrare quando finisce l’uno ed inizia il due, quando un infinito può contenere un altro infinito;

neppure la matematica può dimostrare che la fusione di due unità genera uno.

 

In queste poesie parlo di noi due, unità singole, soggetti indipendenti, che mai riusciremo a conoscerci nell'intimo segreto dell'essere, sempre inviolato, sempre vergine.

Siamo vicini l’un l’altro, accanto.

Ci trasmettiamo noi stessi, parola e corpo, a tutti i nostri sensi, per farci conoscere, per amare e farci amare come essere, ma mai saremo annullati l’una nell’altro. Mai due unità unite possono generare una unità.

 

Ma come trattenerci per amarci e perché dovremmo amarci?

Darci un ruolo? Privarci della libertà di scegliere e di decidere non sarebbe un sostituirci nella reciproca vita, un  impedirci di vivere?

Schiavizzare, obbligarci ad un ruolo per annullarci, per possedere, per avere sicurezza…non significa distruggere il tramutarci in oggetti?

Come potremmo poi continuare a conoscerci nell’amarci? Esisteremmo ancora?

 

L’amore è possibile solo se entrambi restiamo soggetti liberi e coscienti, nella volontà di… e nella complicità d’esisterci nel rivelarci e nell’accettarci nella nostra libertà.

La paura della perdita, della sconfitta si superano per la fiducia nel dono gratuito d’amore e nella continua comunicazione di corpi e parole nella libera volontà di volerlo.

 

Tu dici che è fortuna l’esserci conosciuti, una fortuna che altri non hanno…io dico invece che è una gioia cercata, voluta ed accettata il darci la reciproca possibilità d’esistere.

Non esiste nessun amore se non si vuole amare ed essere amati.

 

@a 09/09/2003