DUE  TERRORISTI: IL MASSACRO.

DUE  TERRORISTI: IL MASSACRO.

stupro isis

- Mi domando cosa dicono di queste morti gli infedeli.

- Qualcuno cerca scampo.

- A quest’ora la strada è piena di morti. Altri se ne stanno tappati seminudi nei bar ad ascoltare gli spari e le grida. Pensano a quelli che stanno combattendo per loro e si illudono.

- Fin che dura si illudono. Ma domani usciranno dai loro buchi  e si metteranno un sacco in testa e guarderanno.

- Dopo aver pianto i morti, i loro morti, tutto di nuovo sarà come prima, come se nulla fosse mai accaduto e di nuovo riempiranno supermercati e bordelli. è questo che cercano e vogliono.

- Sono davvero divertenti.

- Dimmi …

- Ti è piaciuto ucciderli?

- E’ stato divertente. Ma non sanno sorridere.

- Sono bestie, mangiano e montano. Non sanno fare altro. Sono abituati al macello.  E tu?

- Me li godo. Me li godo come posso. Ti dico … quelli che ho toccato si sono infuriati e mi cercano.

- Già, con loro non si può neppure parlare, li sento scappare a rintanarsi.

- E tu?

- Non mi chiedo chi siano.

- E Allah?

- Oh lui è stato sciocco. Mi descrisse il suo arrivo. Mi disse che tutta la notte ascoltò disteso sulla spiaggia del mare le grida. Disse che voleva scordarsi chi era. Mi ha visto, sai, lui vede tutto.

- Che disse?

- Diceva che io guidavo il mezzo e, mentre falciavo il poliziotto che cercava di fermarmi, ridevo.

- E poi?

- Ascolta ... i residenti non aprono le porte di casa propria ai sopravvissuti, hanno paura che sia uno di noi ... hanno paura ... sai, io guidavo a zig zag ... correvo ... loro tornavano dal mare, belli, abbronzati, sazi e rifatti ... facevano spesa, bevevano e pensavano al sesso.

- E tu ridevi.

- Ridevo, certo, era divertente guardarli.

- Non avevi paura di morire anche tu?

- Che senso ha vivere? Essere schiavo, sopravvivere, morire. Tu sai ... ora che fanno?

- Piangono.

- Piangono?

- Io ho pianto prima di loro.

- Piangono e portano fiori, accendono lumini. Dissertano sulla loro stupidità cercando di capire.

- Sentili ... sono davvero ridicoli. Pensano di poterci fermare aumentando le misure di sicurezza. Non fanno altro che imbrogliarsi, imbrogliare i loro stessi compagni. Non hanno ancora capito che si può uccidere in ogni angolo, avvelenare acquedotti, far saltare elettrodotti e molto altro.

- Ora che fanno?

- Mentre piangono e preparano la fossa, pensano a quando guadagneranno dalle assicurazioni. Tra le notizie si ascolta la pubblicità. Ormai ha raggiunto livelli tali che ti vendono un uomo, una donna,  un infante a pezzetti. Come nei film horror.

- Adamo e Abramo cosa dicono? Abramo mi descrisse il suo arrivo. Mi disse che tutta la notte ascoltò disteso sulla spiaggia del mare. Disse che voleva scordarsi chi era e da dove veniva.

- Certo che sono divertenti questi occidentali. Stanno a discutere se i morti sono spagnoli, italiani, americani, francesi e se dimentico qualcuno si offendono anche. Di altro non gli interessa nulla. Ascoltali.

 

ritorna a:  isis terrore mondiale

adriano53s@hotmail.com